Capri espiatori – Made in Italy – Blog – Le Scienze

Sei anni di reclusione in primo grado per “omicidio colposo plurimo”. Questa la sentenza dell’Aquila nel processo ai sette membri della Commissione grandi rischi. Come si dice in questi casi, per commentare bisogna attendere le motivazioni della sentenza.
Ma forse qualcosa si può dire già ora.

Cominciando dal verbale di quella riunione. L’ho letto e riletto una dozzina di volte, oggi, dopo aver ascoltato l’inquietante procedura di lettura della sentenza, e non mi è sembrato di trovarvi alcuna informazione che fosse “imprecisa, incompleta e contraddittoria”, come emerge dalle cronache. Mi sembra invece che un gruppo di tecnici, tra cui alcuni dei più esperti sismologi di questo paese, abbia analizzato secondo lo stato delle conoscenze una situazione che si protraeva da sei mesi, osservando che non si poteva trarre alcuna indicazione sulla possibilità che si verificasse un sisma di magnitudo elevata.

È questo è un fatto. Dal protrarsi di una sequenza sismica di bassa magnitudo non si può prevedere un evento più intenso. Chiunque affermi il contrario è in malafede, e dà informazioni false e illusorie a chi gli presta ascolto.

E allora perché questa sentenza? Forse per le dichiarazioni di Bernardo De Bernardinis successive a quella riunione, testimoniate da questa intervista. L’accento si pone sulle parole rassicuranti, sul bicchiere di Montepulciano. Ma prima di tutto De Bernardinis parla del rassicurare e tranquillizzare la popolazione di Sulmona (!) messa in allarme pochi giorni prima per l’annuncio di un imminente sisma che mai si è verificato. Parla di avere uno stato di attenzione senza avere uno stato d’ansia, di vivere serenamente la propria vita quotidiana. Insomma, invita a non lasciarsi prendere dal panico. E il bicchiere di vino arriva solo su esplicito invito dell’intervistatore. Voi che cosa avreste risposto alla domanda posta in quei termini? Io forse avrei risposto allo stesso modo, senza temere per questo di diventare un assassino.

Diversamente invece avrebbe potuto risparmiarsi il passaggio in cui affermava che lo scarico di energia rendeva più improbabile un terremoto di forte magnitudo, e la conferma degli scienziati della commissione, di cui agli atti non c’è traccia.

Prima di tutto, allora, una considerazione. Se le parole tranquillizzanti sono venute dalla protezione civile (e non mi risultano interventi in tal senso di Boschi o Selvaggi, per esempio), perché la condanna è identica per tutti?

Ma poi ci sono considerazioni molto più profonde. Perché Enzo Boschi e Giulio Selvaggi erano il presidente e il responsabile del Centro nazionale terremoti di quello stesso Istituto di geofisica e vulcanologia che nel 2004 aveva redatto la Carta della pericolosità sismica in cui L’Aquila era classificata in zona 1, ovvero come le aree di maggiore sismicità. Quella Carta, risultato di una mole di studi dell’INGV, doveva essere la bussola per le aree di massima attenzione. E invece qualcuno ha declassato L’Aquila a zona 2, ragion per cui lì si è potuto continuare a costruire con gli stessi criteri di zone di pericolosità molto inferiore.

Indipendentemente dalle motivazioni di questa sentenza, dunque, ho la sensazione che la ricerca dei responsabili si sia fermata al bersaglio più facile, trovando nei membri della Commissione grandi rischi i capri espiatori ideali per lo sport nazionale, lo scaricabarile. Perché se queste sono le unità di misura mi aspetterei condanne per omicidio volontario plurimo, non colposo, per i costruttori in odore di mafia che hanno edificato con la sabbia bagnata, per chi ha chiuso un occhio o forse tutti e due, per chi ha omesso i controlli. E per chi con la leggerezza di un tratto di penna ha spostato L’Aquila in zona 2. Ma ho paura che aspetterò invano.

Certo sarebbe il peggior messaggio possibile se unici responsabili di un simile scempio risultassero i sette membri della Commissione grandi rischi. Di certo, per ora, c’è che è per loro la prima condanna. E anche questo, a modo suo, è un primato che questo paese non ha voluto farsi mancare.

Scritto in Scienze e società | 21 Commenti »

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

SQUADRATI

BLOG - Far quadrare il mondo su fogli volanti

Training Courses Blog

Management and Sales Training Courses in The Middle East

BuggStories

Tales from the Uprising

bibliofilosofiamilano

Blog della Biblioteca di Filosofia, Università degli studi di Milano

Eskills4Future

all about e-skills

Polvere da sparo

Sono figlio del cammino, la carovana è la mia casa _Amin Maalouf_

contromaelstrom

Chiamiamo comunismo la società senza galere

TED Blog

The TED Blog shares interesting news about TED, TED Talks video, the TED Prize and more.

draw and shoot

Shooting photographs, drawing lines...

Photo Nature Blog

Nature Photography by Jeffrey Foltice

joze perspective

Sharing the world, as I see it.

e MORFES

art design & oddities

La Criée : périodiques en ligne

"...et tout s'enchevêtra dans un désordre impeccable..."

futurosemplice

comunicazione, eventi, positive life

Gli Alieni Fra Noi

svegliamo i segreti...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: